Nessuna arte nel carrello
Ben Frost> Artista

Acquista Street Art Graffiti Arte moderna, stampe, originali, sculture e dipinti dell'artista Ben Frost.

Ben Frost è un artista australiano, con sede a Melbourne, che sotto lo spettro della pop art sta sperimentando una vasta gamma di arti visive, come graffiti, fotorealismo e collage. Il suo lavoro caleidoscopico tende a conciliare temi opposti, creando un risultato che è allo stesso tempo conflittuale e provocatorio. Tuttavia, Ben Frost non è un artista che vive ai margini della cultura. Al contrario, attualmente espone a livello locale e internazionale, mentre il suo lavoro è stato presentato in più mostre negli Stati Uniti, in Europa e in Asia. Una delle prime cose che si nota nell'arte di Frost sono i media e i mezzi non convenzionali, dalle tradizionali tele quadrate alle scatole di cartone e dalla pittura acrilica allo spray. Usando le sue stesse parole: "Sono sempre stato più interessato a mettere in discussione le cose, e la pittura, essendo un mezzo così tradizionale, non era qualcosa che mi interessava molto. Ad un certo punto mi sono sentito frustrato nel cercare di essere all'avanguardia e poi ho cambiato completamente nella pittura, dove ho iniziato a mettere in discussione le superfici e i mezzi di pittura. I miei primi lavori sono stati realizzati utilizzando pennarelli, aerosol, pittura per la casa e biro e curvavo i bordi della tavola su cui dipingevo per mettere in discussione la normale forma 'quadrata' di una tela.”.

Ordinare:

Acquista Ben Frost Graffiti Modern Pop Artwork

Di conseguenza, si può facilmente capire che nell'arte di Ben Frost i media giocano un ruolo significativo, non solo nella creazione tecnica del suo lavoro ma, soprattutto, dal punto di vista del significato. Inoltre, in alcuni casi, la scelta dei media e dei mezzi è fatta per creare un'antitesi tra i media e il contenuto artistico. La sua serie "Packaging Paintings", ad esempio, consiste in dipinti di personaggi dei cartoni animati, creati sulla superficie di scatole farmaceutiche. Naturalmente l'artista riesce a generare un contrasto dinamico e irriverente tra una serie di personaggi dell'animazione e l'uso di droghe, o, in altre parole, una “collisione”, tra due mondi diversi ma inaspettatamente collegati.

Tali giustapposizioni e concezioni mash-up sembrano familiari ma inquietanti per lo spettatore. Sia il pacchetto farmaceutico che le animazioni hanno significati indipendenti e un posto specifico nella nostra cultura. Tuttavia, è la loro combinazione che genera una nuova narrativa, un nuovo modo di vedere il mondo, così da “cercare di dargli un senso”, come ha commentato Frost.

Allo stesso tempo, la sua interpretazione della moderna cultura pop è altrettanto avvincente. I media mainstream, la pubblicità e la politica possono essere identificati come alcuni dei suoi principali campi di interesse, che utilizza e mescola in una formazione controversa. La parola controverso non è usata incidentalmente. Ciò che l'arte di Ben Frost sta facendo è, essenzialmente, l'appropriazione e l'armamento dell'immaginario contro lo stesso sistema che l'ha dato vita. In altre parole, l'arte di Frost è creare uno specchio della società per mettere il pubblico a confronto con l'aspetto malsano di una società, che manca di profondità e viene manipolata da pubblicità indomite e marchi colossali. L'artista è particolarmente interessato all'effetto degli annunci pubblicitari e al loro posto nel capitalismo: "Ho sempre più la sensazione che siamo tutti solo partecipanti a un grande studio di ricerca di mercato, piuttosto che individui - con cose individuali da dire".

Pertanto, utilizza immagini familiari alla cultura occidentale per fare una dichiarazione sulla cultura stessa sulla base del consumismo, delle icone moderne, delle grandi società ecc. Personaggi di animazione, icone pop, loghi di marchi e molti altri vengono trasformati in vivaci opere d'arte e trovano il loro posto nelle gallerie. Con questo in mente, e nel caso di Ben Frost, è inutile cercare di identificare un chiaro confine tra arte bassa e arte alta. In realtà, l'artista vuole che il pubblico pensi in termini di alto o basso valore e, per estensione, cosa significhino effettivamente.

Materialità, valori sociali e significato sono alcuni degli elementi che Frost sta attivamente incorporando nella sua arte, senza fornire alcuna risposta e, successivamente, creando uno spazio aperto di riflessione. L'artista, in un certo senso, vuole che gli spettatori entrino nel processo di ricerca di se stessi nella sua arte. Dopotutto, Ben Frost è un maestro nel manipolare i nostri ricordi e nel portarli selettivamente in superficie.

Non è un caso che gran parte della sua arte sia costituita da immagini appropriate di animazioni, proprio come i Simpson, Looney Tunes, Puffi, Winnie the Pooh ecc., che vengono inserite in un nuovo contesto artistico, senza perdere le loro connotazioni originali. Questo re-branding visivo di tali immagini, che Frost sta mostrando nel suo lavoro, è abbastanza nostalgico da farci sentire immediatamente familiarità con esso, ma, allo stesso tempo, inquietante, così che cattura la nostra attenzione e non possiamo fare a meno ma concentrati su di esso.  

Alla fine, Ben Frost è un vero artista pop. La pop art e la cultura lo incuriosiscono, mentre il riformismo e la contemporaneità del suo lavoro lo rendono rilevante per l'estetica e le questioni sociali di oggi. La nostalgia, invece, è un elemento chiave, che l'artista cerca di infondere in quest'opera, utilizzando l'iconografia quotidiana, a volte, per omaggiare o, altre volte, per deridere l'industria dello spettacolo, il capitalismo e il mercantilismo.

Dopotutto, l'essenza del commento di Frost si stabilisce sulla base del sovvertimento del significato e dei messaggi, promossi dai media mainstream. In altre parole e, come ha affermato in passato: “Meno riempi la tua mente con le trappole della pubblicità e della cattiva televisione, più spazio hai nel cervello per le cose di valore”.