Nessuna arte nel carrello
Ron Inglese> Artista

Acquista Street Art Graffiti Arte moderna, stampe, originali, sculture e dipinti dell'artista Ron English.

Pochi artisti hanno lavorato con una gamma così ampia di media e mezzi come Ron English, dalla stampa ai murales, dalla scultura in vinile ai cartelloni pubblicitari. Naturalmente, la sua arte è stata esposta in modi altrettanto vari e si può trovare per strada, nei musei, nei film, nei libri, in televisione e persino nella musica. Una così vasta varietà di materiali ed elementi visivi si cela il rischio di abbandonare la propria arte all'eterogeneità, perdendo la sua interrelazione e il suo legame con l'artista e le sue motivazioni. Allora, cos'è che rende coesa e identificabile l'arte di Ron English? Il suo lavoro è interconnesso a causa dell'immaginario che utilizza o è il background teorico che definisce la sua arte? Forse la prima cosa che gli spettatori notano guardando il suo lavoro è l'incorporazione di una serie di immagini molto familiari. La base concettuale del suo lavoro è strettamente legata alla memoria, il tipo di memoria che esiste e viene scolpita in questo momento. Un tema tipico e, a quanto pare, preferito, che l'inglese rivisita, ancora e ancora, è McDonald's, la più grande catena di fast food del mondo. L'azienda è stata fondata nel 1940 ed è ancora uno dei marchi più facilmente riconoscibili di sempre. Pertanto, l'artista utilizza questo marchio emblematico e tutta la serie di connotazioni che porta (capitalismo, fast-food, ecc.), per fare osservazioni socio-politiche che sono rilevanti in questo momento. In ogni caso, la memoria è il punto di partenza del processo creativo dell'artista, che con nostalgia richiama la nostra attenzione su immagini e temi a noi familiari e immediatamente riconoscibili.

Ordinare:

Acquista Ron English Graffiti Modern Pop Artwork

McDonald's non è l'unico esempio; Mona Lisa, la regina Elisabetta II, Marilyn Monroe, Hulk, Capitan America, Mikey Mouse, Darth Vader e lo zio Sam sono solo alcuni dei personaggi che Ron English si sta appropriando, permettendogli di stabilire una conversazione aperta tra la sua arte e una grande varietà di temi, come l'universo di Star Wars, la guerra del Vietnam, l'arte alta, la regalità ecc.

Il mondo di Ron English si chiama Popaganda, un nome che ha inventato, collegando le parole Pop e Propaganda, entrambi profondamente rivelatori sull'arte inglese. Pop è un chiaro riferimento alla Pop Culture, alla quale rende omaggio a più livelli, non solo infondendo nella sua arte temi comuni della pop art (ad esempio Marilyn Monroe) ma anche incorporando ritratti di artisti pop stessi (ad esempio Andy Warhol). D'altra parte, la parola Propaganda crea connotazioni politiche. In modo usurpativo, l'arte di Ron English è stata spesso definita "propaganda anti-corporativa".

L'inglese è altamente, impenitente e irriverentemente politico. Questo non si basa solo sull'uso di immagini e temi specifici. Nel 1982 ha surrettiziamente rielaborato alcuni cartelloni pubblicitari a rischio di arresto durante il processo. Allo stesso tempo, il suo lavoro, dall'inizio della sua carriera, non ha perso il suo taglio politico e continua a incorporare temi legati sia alla vecchia politica, come Uncle Sam -un chiaro riferimento alla guerra del Vietnam- sia ai politici contemporanei, per esempio, Barack Obama (in Abraham Obama) e Donald Trump (a Tronco). Creando pezzi rielaborati di personaggi politici così noti, l'inglese diventa immediatamente politico, facendo riflettere gli spettatori sulla scelta dell'artista di integrarli.

Di conseguenza, la visualità del suo lavoro si basa in larga misura sull'appropriazione e la rielaborazione. La ricontestualizzazione di pezzi, tipicamente altamente commercializzati, fa sorgere la seguente domanda. Perché Ron English fa uso di tali immagini? Rivisitare le opere d'arte del passato non è una novità nel mondo dell'arte. Tuttavia, è negli ultimi decenni che gli artisti hanno iniziato sistematicamente a incorporare l'immaginario, che esiste al di fuori dello spettro artistico e, allo stesso tempo, è più vicino all'esperienza quotidiana, all'"arte bassa" che le masse consumano. La distinzione tra arte alta e arte bassa è olisticamente presente nell'arte inglese, tuttavia, l'artista non sembra considerare l'una superiore all'altra. Al contrario, sta onorando la cultura pop e abbraccia il suo estremo mercantilismo.

In realtà, sta armando alcune forme archetipiche di mercantilismo (es. loghi di marchi, cartelloni pubblici, pubblicità), per criticare il fenomeno. Attraverso questi processi, Ron English è emerso come una delle figure più importanti del cultural jamming. Ciò può essere visto anche come una peculiare forma di attivismo politico e sociale, che richiama e, contemporaneamente, sovverte il potere dei media e delle grandi corporazioni, responsabili della diffusione dei prodotti culturali, di cui l'artista si appropria e parodie.

Il rapporto che Ron English ha con il suo pubblico è peculiare e multilaterale. Da un lato, manipola la nostra memoria e ci reintroduce nelle nuove versioni di alcune delle nostre animazioni preferite, opere d'arte famose e, persino, nei posti dove mangiamo abitualmente. In sostanza, scolpisce le sue opere usando la nostra memoria collettiva e, alla fine, ce le espone, svelando le norme culturali dietro di esse. In altre parole, le sue opere diventano mediatrici di una conversazione aperta tra pubblico e soggetti, come il capitalismo, la guerra, la cultura del consumo ecc.

Di conseguenza, il coinvolgimento del pubblico è incoraggiato da English, che vuole farci riflettere sulle sue versioni rielaborate. Dopotutto, il carattere della sua arte è sia politico che sociale e usando le sue stesse parole “è come fare pubblicità ma creare un messaggio diverso”.

Naturalmente, l'artista ha una forte esperienza nel lavoro sull'arte pubblica, dall'affissione di cartelloni illegali alla pittura murale. Nel suo sito personale, Ron English fa le seguenti osservazioni: “Ho iniziato a fare quella che ora è stata etichettata come arte di strada alla fine degli anni Settanta. Per essere l'artista che volevo essere e per coinvolgere il pubblico nel modo in cui volevo farlo, ho dovuto commettere parecchi reati. Per quanto riguarda la società a cui appartengo, ero un fuorilegge. Ma negli anni qualcosa è cambiato. Le mie liberazioni sui cartelloni pubblicitari, i graffiti, il tagging, le attività artistiche che hanno innervosito il pubblico si sono evolute in qualcosa di nuovo, o forse la percezione verso l'arte e gli artisti si è evoluta. Gli artisti che lavorano per strada non sono più considerati fuorilegge; sono ora artisti di strada. Oppure, come preferisco chiamarli: suoceri.” Naturalmente, English ha capito che il modo migliore per coinvolgere il pubblico è essere il più diretto possibile e trasferire la sua arte per le strade, anche se questo porta a problemi legali. Nel 2003, quando gli è stato chiesto dei suoi cartelloni pubblicitari illegali, aveva fatto il seguente commento: “Credo di essere un criminale. Ma non credo di essere una seccatura per la società.”.

L'opera di Ron English genera una serie di complesse narrazioni sulla base della memoria collettiva della civiltà occidentale, manipolandola in un delirio surreale dai colori accesi e dalle molteplici connotazioni sociali e politiche. Non è facile collocare il suo lavoro in un punto specifico all'interno dello spettro delle arti visive. Dalle stampe alla pittura a olio e dai cartelloni rielaborati alla scultura, ha sperimentato tutti i media e i mezzi che servono agli scopi della sua arte. Al centro del suo lavoro c'è l'impegno che l'artista vuole creare tra gli spettatori e la sua arte. English è interessato al suo pubblico e ai prodotti culturali che consumano e arriva al punto di criticare e sovvertire la pubblicità e il consumismo nei mass media. Soprattutto, è interessato a combattere, ad esempio, la guerra e il capitalismo, quindi sotto questo spettro, la sua arte può essere vista come un atto di attivismo. Usando le sue stesse parole: "Mentre i miei amici andavano alle proteste di guerra a Washington, ho imparato a usare i miei poteri di artista, piuttosto che essere un'altra persona in una grande protesta".

Graffiti Modern Urban Art di Ron English Artista pop Biografia, storia e informazioni.

Argomenti: Ron English, Ron English Art, Ron English Artist, Acquista Ron English, Acquista Ron English, Ron English History, Ron English Graffiti, Ron English Pop Art, Ron English Modern Art